Ogni tanto ritornano. Possono passare pochi mesi o molti anni. Ed è sempre una buona notizia il ritorno al suo posto in un museo di un quadro trafugato. Un dipinto di Edgar Degas rubato nel 2009 è stato ritrovato dagli agenti della dogana francese nel portabagagli di un autobus. Les Choristes era sparito trafugato 31 dicembre dal museo Cantini di Marsiglia. L’opera, dal valore di 800mila euro, era stato prestato al museo marsigliese da Museo d’Orsay di Parigi, un’istituzione per le opere degli impressionisti, per un’esposizione temporanea.  Il pastello, di 32 centimetri per 27 dipinto, è stato recuperato dagli increduli doganieri durante il controllo di un autobus parcheggiato in un’area ad est di Parigi. L’opera, in buone condizioni, era in una valigia, ma nessuno di coloro che erano a bordo dell’auto ha dichiararo di essere il proprietario.

Les Choristes venne inserito da Interpol nella lista delle opere più ricercate al mondo. Il 16 febbraio scorso è stato ritrovato in una valigia lasciata all’interno di un pullman a Ferrières-en-Brie. Dai primi elementi dell’expertise, è emerso che si tratta effettivamente dell’opera ricercata. “La sua scomparsa, ha affermato la ministra della Cultura, Francoise Nyssen – rappresentava una pesante perdita per il patrimonio impressionista francese”. Il quadro non sembra aver sofferto delle sue varie peripezie. Ora è atteso con “impazienza” al Museo d’Orsay, magari per la grande mostra su Degas prevista per l’autunno 2019

Esiste un lungo elenco di opere tuttora ricercate. Addirittura l’Fbi ha un elenco di “most wanted”: come il Vermeer e altri 11 quadri rubati 27 anni fa all’Isabella Stewart Gardner di Boston e mai più recuperati nonostante una taglia da milioni di dollari. Due anni fa invece furono recuperati dagli investigatori italiani dei due Van Gogh trafugati nel 2002 al museo Van Gogh di Amsterdam: sequestrati alla camorra dalla Guardia di Finanza. Nella top ten c’è naturalmente la Natività di Caravaggio, trafugata a Palermo, o che stando alle dichiarazioni di un pentito di mafia sarebbe finito in Svizzera. Rubata nel lontano ottobre 1969 dall’Oratorio di San Lorenzo e da allora ricercata. Il Cavaliere del maestro olandese Frans Van Mieris manca dal 2006 all’appello dalla Art Gallery del New South Wales di Sydney: rubato mentre il museo era aperto al pubblico. I ladri della Veduta di Auvers-sur-Oise di Paul Cezanne all’Ashmolean di Oxford agirono invece il 31 dicembre 1999 con l’aiuto delle tenebre e dei fuochi artificiali che salutavano l’inizio del nuovo Millennio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bambini e lirica, il Teatro alla Scala conquista i più piccoli con Il barbiere di Siviglia: in programma 4 nuove repliche

next
Articolo Successivo

Folco Quilici è morto, addio al maestro dei documentaristi. Per Forbes era tra i 100 più influenti su ambiente e culture (e aveva ideato “Geo”)

next