Eccola la nuova Ferrari che correrà nel prossimo campionato di Formula Uno. Si chiama SF71H ed è senza dubbio più “rossa” del solito nella livrea, con un tocco di bianco nella parte posteriore dove spicca il Tricolore e il Quadrifoglio Alfa Romeo. Con lei Seb Vettel e Kimi Raikkonen proveranno a conquistare un titolo, quello piloti, che a Maranello e più in generale all’Italia manca da undici anni.

Non è uno stravolgimento, ma più che altro un upgrade rispetto alla monoposto che ha gareggiato la scorsa stagione, dando segnali di ripresa incoraggianti che tuttavia non sono stati sufficienti a contrastare lo strapotere Mercedes. Missione da compiere quest’anno.

Questa SF71H è la monoposto numero 64 costruita dal Cavallino per partecipare a un mondiale di F1, e visivamente le prima cosa che salta all’occhio guardandola è la presenza del cosiddetto halo. Si tratta della struttura di protezione dell’abitacolo, e in particolare della testa di chi è al volante: pesa 7 kg (più le installazioni) e dopo due anni di sperimentazione in pista è stata introdotta ufficialmente dal regolamento.

La linea della vettura è “magra” e slanciata, con un muso più affusolato e una coda ristretta. Il passo è stato allungato mentre le sospensioni, pur essendo state riviste, mantengono l’impostazione push-rod (puntone) all’anteriore e pull-rod (tirante) al posteriore.

Per quanto riguarda la power unit, giova ricordare che tra le novità regolamentari c’è anche quella della riduzione da 4 a 3 dei V6 turbo utilizzabili nel corso della stagione, altrimenti si incappa in penalità. Stesso dicasi per turbocompressore e gruppo motogeneratore collegato al turbo (MGU-H), mentre saranno solo due i motogeneratori cinetici collegati alla trasmissione (MGU-K), così come le centraline e le batterie a disposizione per tutto l’anno. L’ingenierizzazione e lo sviluppo dei motori stessi non poteva non tener conto di questo.

Dopo la presentazione, la SF71H prenderà la via di Barcellona, dove il 26 febbraio si svolgeranno i primi test in pista sul Circuit de Catalunya con Vettel e Raikkonen fino al 1 marzo. La seconda sessione è invece prevista dal 6 al 9 marzo. In bocca al lupo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Auto a colori? No, grazie. Gli italiani preferiscono il grigio

prev
Articolo Successivo

Salone di Ginevra 2018, al via la prossima settimana. In programma 110 anteprime

next