Roberto Baggio ha citato diffamazione l’associazione “100% Animalisti” che lo ha attaccato per via della sua passione di cacciatore. Ieri si è aperta a Padova, ma è stata subito rinviata a giugno, l’udienza del processo intentato dal “divin codino” nei confronti del leader dell’associazione protezionistica, Paolo Mocavero.

Baggio si è presentato in Tribunale a Padova per difendere le sue ragioni, ma il giudice monocratico, constatando la mancata notifica all’imputato del decreto di citazione a giudizio (l’accusa è diffamazione a mezzo internet), ha rinviato l’udienza al 18 giugno 2018. Mocavero non era presente in aula. L’ex fuoriclasse era stato preso di mira dai “100% Animalisti” per le sue posizioni a favore della caccia. I componenti del gruppo l’avevano contestato esponendo anche striscioni offensivi davanti alla sua villa di Caldogno (Vicenza), e poi avevano rincarato la dose con post in rete.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Armi nelle scuole, Crozza a Che fuori tempo che fa: “Via di mezzo tra welfare europeo e far-west americano: è farwelfare”

prev
Articolo Successivo

Daniel Craig, che cosa è successo a James Bond? La faccia del divo ai Bafta non è quella che siamo abituati a vedere

next