Le Regioni sempre meno rosse
Il rosso si riduce sulla cartina. Pezzi interi delle vecchie Regioni rosse sono sottoposte agli attacchi dal Nord, per la competitività del centrodestra, e dal Sud, per l’aumento dei voti per i Cinquestelle, in particolare nella zona meridionale delle Marche, ma anche in Maremma. Così il rosso vivo resta solo nel cuore della Toscana (neanche più a Livorno) e in Emilia, cioè Bologna, Reggio Emilia, Modena. Tutto il resto – compresa l’Umbria, compresa la Romagna – è diventato contendibile, come si dice in gergo: il distacco tra i candidati del centrosinistra e quelli degli altri due poli sono inferiori al 5 per cento.

Nelle due immagini: a sinistra la situazione per la Camera, a destra per il Senato.

Clicca sotto e guarda le altre mappe

INDIETRO

Elezioni, è corsa al voto utile: il centrodestra cresce al Nord, il M5s al Sud. E 69 collegi decidono se ci sarà maggioranza

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Skoda, una Superb sbarca su Marte. La presa in giro di Tesla è geniale – VIDEO

next