Le Regioni sempre meno rosse
Il rosso si riduce sulla cartina. Pezzi interi delle vecchie Regioni rosse sono sottoposte agli attacchi dal Nord, per la competitività del centrodestra, e dal Sud, per l’aumento dei voti per i Cinquestelle, in particolare nella zona meridionale delle Marche, ma anche in Maremma. Così il rosso vivo resta solo nel cuore della Toscana (neanche più a Livorno) e in Emilia, cioè Bologna, Reggio Emilia, Modena. Tutto il resto – compresa l’Umbria, compresa la Romagna – è diventato contendibile, come si dice in gergo: il distacco tra i candidati del centrosinistra e quelli degli altri due poli sono inferiori al 5 per cento.

Nelle due immagini: a sinistra la situazione per la Camera, a destra per il Senato.

Clicca sotto e guarda le altre mappe

INDIETRO

Elezioni, è corsa al voto utile: il centrodestra cresce al Nord, il M5s al Sud. E 69 collegi decidono se ci sarà maggioranza

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Skoda, una Superb sbarca su Marte. La presa in giro di Tesla è geniale – VIDEO

next