Prima il Nord
Il Nord è quasi tutto blu scuro: significa che in decine di collegi uninominali di Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia il centrodestra è in ampio vantaggio, oltre il 10 per cento, quelli che Quorum e YouTrend definiscono seggi “probabili“. Le uniche eccezioni sono la Val d’Aosta e l’Alto Adige (dove il centrosinistra si fa forte dell’alleanza con l’Svp) e le aree urbane dei capoluoghi di Regione (al centro di Milano il centrosinistra combatte, a Genova e nella periferia di Torino il M5s è in vantaggio). Di converso le lingue blu del centrodestra si allungano, anche per la spinta della Lega fino a invadere l’Emilia (la provincia di Parma e Piacenza e dintorni), ma anche il nord-ovest della Toscana, cioè Massa, Carrara e il resto della provincia.

Nelle due immagini: a sinistra la situazione per la Camera, a destra per il Senato.

Clicca sotto e guarda le altre mappe

INDIETRO

Elezioni, è corsa al voto utile: il centrodestra cresce al Nord, il M5s al Sud. E 69 collegi decidono se ci sarà maggioranza

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Skoda, una Superb sbarca su Marte. La presa in giro di Tesla è geniale – VIDEO

next