È spassosissimo l’ultimo video prodotto da Skoda – marchio di proprietà Volkswagen Group – per ironizzare sulla Tesla Roadster lanciata nello spazio da Elon Musk tramite il razzo Falcon Heavy di SpaceX. La filiale francese del brand ceco ha infatti registrato una gustosa parodia che vede protagonista una Superb con motore 2.0 TSI 280 Cv: al volante dell’auto un pilota vestito grossomodo come Starman, il manichino che Tesla ha messo idealmente al volante della Roadster “celeste”.

Ogni riferimento all’impresa del vulcanico sudafricano è puramente voluto: infatti sul display di bordo della Superb capeggia la scritta “Don’t panic Elon”, in riferimento alla colonna sonora di David Bowie utilizzata da Musk per accompagnare il lancio del razzo. La breve clip Skoda si conclude poi in maniera geniale, con l’arrivo della Superb a Mars, un piccolo paesino transalpino: ad accoglierla i “marziani” pronti alle classiche foto di rito e ad assistere il pilota dell’auto nella “classica” camminata sul suolo marziano. Ma il video qui di seguito dice molto più delle parole.

Vale la pena ricordare, infine, che al prossimo Salone di Ginevra (8-18 marzo) la marca boema svelerà il prototipo per un suv di taglia urbana, il “Vision X”, la cui bozza vedete qui sotto: prefigura uno sport utility di piccole dimensioni che affiancherà le più grandi Kodiaq e Karoq e che permetterà al costruttore di spingersi ben oltre gli 1,2 milioni di veicoli venduti lo scorso anno. La base tecnica della vettura sarà comune a quella modulare usata per altre piccole del gruppo Volkswagen. Sotto al cofano del prototipo ci sarà una motorizzazione ibrida, a testimonianza dell’impegno di Skoda a proporre svariati modelli plug-in ed elettrici negli anni a venire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferrari 360 Modena Limousine va all’asta, ma nessuno la compra – FOTO

next
Articolo Successivo

Dieselgate, un nuovo caso emissioni? Mercedes indagata negli Usa

next