La corsa al voto utile (e il Pd rallenta)
La prima notizia, prima ancora del dettaglio delle mappe, deriva dal raffronto delle cartine elaborate da Rosatellum.info al 9 febbraio e al 16 febbraio. Sembrano identiche, ma è tutta apparenza. Come i movimenti delle placche terrestri, in modo impercettibile qualcosa si muove. Sono i flussi di voto che fanno cambiare colore a diverse zone del Paese: da rosso chiaro a azzurro chiaro, da azzurro a giallo.

Ma la tendenza generale e quasi unica è che gli elettori sembrano dirigersi verso due soli competitor: da una parte il centrodestra e dall’altra i Cinquestelle. Appare un richiamo al voto utile, a chi appare davvero in grado di vincere (da una parte) o di fare da ultimo baluardo (dall’altra). Così alcuni collegi che al 9 febbraio sembravano appannaggio del centrosinistra (Venezia, Trieste) sono diventati celeste, altri che erano gialli (La Spezia) sono diventati azzurri, in altri ancora il blu si fa più chiaro (in alcune zone della Puglia) e altri che erano rosso chiaro – come in Romagna – sono diventati gialli. In altre parti d’Italia, come in Calabria, i colori si fanno più intensi, blu o giallo che siano.

Clicca sotto e guarda le altre mappe

INDIETRO

Elezioni, è corsa al voto utile: il centrodestra cresce al Nord, il M5s al Sud. E 69 collegi decidono se ci sarà maggioranza

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Skoda, una Superb sbarca su Marte. La presa in giro di Tesla è geniale – VIDEO

next