E di che vi stupite? V’è del metodo in questa follia. Eccome. È una follia metodica quella della logica di sviluppo del modo capitalistico della produzione, alambicco che tutto muta in merce circolante e liberamente acquistabile. Il solo valore, entro i perimetri blindati dell’apartheid globale appellato economia di mercato, è quello di scambio: a sua volta centrato sulla metafisica della crescita infinita. A cui tutto deve sottostare. E nel cui nome tutto deve essere ridefinito.

In quest’ottica, l’umano stesso diviene merce tra le merci: l’uomo, che ha valore ma non prezzo, decade a semplice merce circolante (“libera circolazione delle merci e delle persone”, secondo le sempre in voga retoriche liberiste). Dall’utero in affitto ai braccialetti elettronici con cui i colossi dell’e-commerce, del big business planetarizzato e della new economy (centrata sempre sulla old exploitation!) hanno ora preso a sorvegliare i dipendenti sul posto di lavoro. Di modo che essi, docili e arrendevoli, non sottraggano nemmeno un istante alle sacre pratiche della produzione di sempre nuove merci scintillanti. Proprio così. Braccialetti elettronici per controllare ogni istante i dipendenti: lo chiamano lavoro, è schiavitù. Benvenuti nell’evo del caporalato digitale. Che si può definire lavoro allo stesso titolo del lavoro di quanti trasportarono i blocchi che servirono, in Egitto, a edificare le piramidi.

Benvenuti nel vero totalitarismo, per quanto glamour e seducente. La società del controllo totale. La società a capitalismo integrale. Gentiloni, dal canto suo, si è schierato contro siffatte pratiche che mortificano l’umano: “Non si lavora col braccialetto, serve qualità“. Bene. Ora alle parole seguano i fatti: politiche sovrane e protezioniste sul territorio nazionale, se i signori del big business non si adeguano. Egemonia del politico sull’economico. Primato dell’umano sulla merce.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Staglianò presenta “Lavoretti”: “Uber e Airbnb? Impoveriscono la società e cancellano il welfare. Vi spiego perché”

next