Una splendida spiaggia con i piloti schierati in linea, 100 km di dune di ogni dimensione e canyon insidiosi sono stati il teatro della 4° speciale della Dakar 2018: un anello intorno a Suan Juan de Marcona di 330 km di speciale e 14 km di trasferimento. Nelle moto Adrien Van Beveren ha firmato una giornata perfetta. Il francese della Yamana ha vinto la speciale ed è balzato in testa alla classifica, scalando ben 7 posizioni. La tappa ha visto il ritiro di Sam Sunderland. Nella caduta il pilota KTM si è procurato una lesione alla schiena ed è stato elitrasportato all’ospedale di Lima. Yamaha ha centrato una doppietta con Xavier de Soultrait, mentre Matthias Walkner ha chiuso terzo. Nelle auto tripletta Peugeot con Sébastien Loeb davanti a Carlos Sainz e Stéphane Peterhansel.
É stato un incubo per Nasser Al-Attiyah che si è fermato due volte, perdendo quasi un’ora. Da segnalare anche il ritiro dello Special Two, André Villas Boas. Nei quad, la vittoria di Sergey Karyakin ha messo uno stop al dominio di Ignacio Casale. Eduard Nikolaev (Kamaz) ha centrato la 3a vittoria consecutiva e consolida la testa della classifica davanti a Federico Villagra. Nei SxS Camelia Liparoti cha chiuso ottava. Alla fine della 4a tappa oltre 50 mezzi (21 moto, 24 auto, 2 Sxs, 4 camion, 1 quad) hanno abbandonato la corsa, tra questi anche i 3 equipaggi del Team Orobica e Stefano Marrini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dakar 2018, le migliori immagini della quarta tappa: non sono mancati i colpi di scena

next
Articolo Successivo

Dakar 2018, il francese Loeb si ritira e si consola improvvisandosi cameraman

next