Gli inglesi lo chiamano Post sex blues. È un pianto o, comunque, una profonda sensazione di tristezza che si ha dopo un rapporto sessuale e, secondo uno studio della Queensland University,almeno una donna su due l’ha provato. A questo punto sento l’obbligo morale di tranquillizzare il maschio: non è colpa della tua prestazione e nemmeno di quella tua piccola défaillance se lei scappa in lacrime mentre tu gusti il sapore della soddisfazione erotica. E di chi allora?

Ad oggi non c’è ancora una causa certa ma “l’ipotesi più accreditata è che il Post Sex Blues sia dovuto a un mix di fattori, psicologici ed organici” spiega Giovanna Frezza, psicologa e sessuologa. Dal punto di vista fisiologico, succede questo: con l’orgasmo le endorfine raggiungono il picco massimo e subito dopo hanno un vertiginoso crollo, causando tristezza e senso di vuoto. Dal punto di vista psicologico, invece, entra in scena la responsabilità dell’altro.

Veniamo a noi: l’hai coccolata? Hai continuato a tenerla abbracciata o ti sei messo a gongolare tra i tuoi pensieri di super macho? “Gli ultimi studi dimostrano che, se la donna è rassicurata dopo il rapporto, il Post Sex Blues viene meno” continua la Frezza. “A patto che non sia lui, e un rapporto poco soddisfacente, la causa stessa del problema”.

Eccoci al tasto dolente. Io le chiamo le controindicazioni della libertà sessuale e una è proprio questa: la promiscuità ci porta ad avere rapporti sessuali con persone di cui sappiamo poco, manca quel coinvolgimento emotivo che per noi donne è fondamentale.

In definitiva, oggi facciamo sesso con chi ci pare: ma è davvero quello che volevamo?

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donne, “l’importanza del perineo: perché conoscere questo ‘muscolo forte’ è utile durante l’arco della vita fertile”

next
Articolo Successivo

Contraccettivi gratuiti? Sarebbe una vera boccata di ossigeno

next