Hanno tenuto il cadavere del figlio di sette anni in casa per un mese pensando che stesse dormendo. Era invece morto a causa di un’asma curata solo con prodotti omeopatici. È successo a Girona, centro poco lontano da Barcellona. La morte risale allo scorso anno, e i genitori, americani di Detroit, sono comparsi davanti al giudice che per loro ha chiesto tre anni e tre mesi di carcere. L’accusa, omicidio per negligenza.

Davanti al giudice, i genitori, Bruce Hopkins e la moglie Schrell, hanno dichiarato che non si erano resi conto delle condizioni disperate del ragazzo, ma hanno pensato a pregare affinché migliorasse lo stato di salute del loro figlio. Le analisi dei medici hanno permesso di stabilire che all’interno del corpo del ragazzo non sono state trovate tracce di farmaci, segno che i genitori non hanno minimamente agito per arginare la malattia, una semplice asma che, come sostiene il giudice, in nessun caso può risultare fatale se curata. La famiglia non era disposta ad assumere farmaci tradizionali dopo che la negli anni scorsi, la madre si era fatta curare per un’allergia e invece di migliorare, le sue condizioni erano peggiorate.

Il corpo del bambino è stato trovato per una pura casualità dai mossos, la polizia regionale catalana. La famiglia non pagava l’affitto da oltre un anno e il proprietario ha chiesto ai militari di intervenire. Fatta irruzione nell’appartamento, i mossos hanno trovato la stanza da letto dove dormiva tutta la famiglia e, avvolto in un lenzuolo, il bimbo morto di 7 anni. Il cadavere non mostrava lesioni, e dallo stato di decomposizione i poliziotti ritengono potesse essere lì da circa 4 settimane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco in Bangladesh: “Religioni unite contro il fondamentalismo religioso”

prev
Articolo Successivo

Russiagate, Flynn: “Ho mentito all’Fbi”. L’inchiesta arriva alla Casa Bianca: spunta il nome di Kushner, genero di Trump

next