“Il principe azzurro è un molestatore“. Le accuse di violenze sessuali degli ultimi mesi toccano anche il mondo dei cartoni animati. Sarah Hall, madre quarantenne inglese, ha scritto alla scuola del figlio per chiedere di rimuovere da un libro scolastico la nota fiaba della Disney. “Fino a quando verranno presentati questi testi nelle scuole non riusciremo a cambiare degli atteggiamenti che oggi sono radicati nei comportamenti sessuali“. Se la richiesta della giovane madre ha suscitato un gran dibattito a Londra, la Hall difende la sua idea facendo notare che nella scena clou de “La bella addormentata nel bosco” manca un elemento fondamentale: il consenso.

“Nella società di oggi non è appropriato mandare questi messaggi. Mio figlio ha solo sei anni e assorbe tutto ciò che vede”. La cosa più grave, secondo la Hall, è che le fiabe dovrebbero spiegare ai bambini cosa sia giusto e cosa sia sbagliato, e un messaggio di questo genere potrebbe incidere negativamente sulla crescita del bambino. “Non penso sia giusto eliminare completamente la fiaba. Però può essere un buon punto di partenza per cominciare un ragionamento più complesso tra noi adulti, in modo da spiegare ai piccoli la questione del consenso e di come la principessa si può sentire”.