Pochi giorni fa era stato aggredito nel parco della Montagnola di Bologna, dove era andato per un servizio sullo spaccio di stupefacenti. E ieri Vittorio Brumotti, l’inviato sul territorio di Striscia la notizia, e la sua troupe sono stati nuovamente bersaglio degli spacciatori durante la registrazione di un servizio sempre sulla vendita di droghe in un zona calda di Padova, l’area antistante la stazione ferroviaria. La troupe di Striscia è stata accerchiata da un gruppo di spacciatori, una trentina – secondo gli autori della trasmissione -, che ha poi aggredito Brumotti e i suoi operatori con sputi e schiaffi e il lancio di una bottiglia.

Sul caso interviene il senatore leghista Roberto Calderoli, secondo cui “questa vicenda testimonia che il controllo del territorio, e stiamo parlando di grandi città, non è in mano alle forze dell’ordine, come dovrebbe essere, ma A delle bande di spacciatori. Questo purtroppo è un dato di fatto, triste ma reale. Una volta che saremo al governo – ha proseguito – faremo tabula rasa di questa criminalità e il povero Brumotti non rischierà più aggressioni e sarà libero di girare senza prenderle, anche se avrà meno lavoro, visto che non troverà più questo degrado nelle grandi aree urbane”.

(immagine tratta dall’account Facebook di Striscia la notizia)