Il Movimento 5 stelle ha ottenuto la vicepresidenza del Parlamento Ue. Il grillino Fabio Massimo Castaldo è stato eletto in sostituzione dell’eurodeputato tedesco Alexander Graf Lambsdorff, che si è dimesso. Nella votazione ha superato l’altra candidata, la liberale tedesca Gesine Meissner, raccogliendo 325 voti su 563 votanti. “Questo risultato”, hanno scritto i grillini sulla pagina Facebook ufficiale del Movimento, “dimostra che il MoVimento 5 Stelle è considerato una forza credibile e in grado di governare e rappresentare tutti i cittadini. È il segnale che c’è una Europa che guarda al futuro”.

Per il Movimento la carica di Castaldo va ad aggiungersi a quella di Laura Ferrara, vicepresidente della commissione giuridica dell’Eurocamera. Si tratta comunque di un risultato significativo, soprattutto in ottica di campagna elettorale per le politiche italiane: il grillino va ad affiancare il presidente Antonio Tajani di Forza Italia e potrà rivendicare un ruolo di primo piano anche sul fronte europeo. Proprio Tajani, raccontano fonti interne a ilfattoquotidiano.it, aveva lavorato per contrastare l’elezione di Castaldo. Ora sono due su quattordici i vicepresidenti italiani del parlamento. L’altro è l’eurodeputato del Pd David Sassoli. Il gruppo liberale dell’Alde perde invece un vicepresidente, scendendo da tre a due.

Castaldo è eurodeputato eletto nel Lazio e ha iniziato il suo percorso nelle istituzioni come collaboratore della senatrice Paola Taverna prima di decidere di candidarsi per Bruxelles nel 2014. E’ stato anche per un periodo di tempo esponente del mini direttorio che aveva il compito di accompagnare e sostenere l’operato della sindaca di Roma Virginia Raggi, salvo poi fare un passo indietro dopo la dissoluzione del gruppo in seguito alle polemiche e ai dissidi interni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catalogna, c’è ben poco che Madrid può promettere a Barcellona per restare

prev
Articolo Successivo

Migranti, Parlamento Ue dà il via libera alla riforma del regolamento di Dublino. M5s vota contro, polemica con la Lega

next