Anonymous ha colpito ancora. Questa volta nel mirino del gruppo hacker sono finite alcune informazioni riservate dell‘Italia e del Parlamento Europeo. Centinaia di mail, numeri di telefoni, ordinanze di servizio delle questure ma anche buste paga e fotocopie di documenti di appartenenti a forze di polizia e forze armate sono state pubblicate sul loro blog. E tra questi, anche uno scambio di mail tra funzionari di palazzo Chigi e le forze di polizia sulla visita del Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni domani a Bologna.

Anonymous ha annunciato il furto di queste informazioni riservate con un post sul suo blog, dove si legge: “Cittadini – scrivono gli hacker – siamo lieti di annunciarvi, per il diritto della democrazia e della dignità dei popoli, che siamo in possesso di una lista di dati personali relativi al Ministero dell’Interno, al Ministero della Difesa, alla Marina Militare nonché di Palazzo Chigi e Parlamento Europeo“. “Governo corruttore di democrazia – prosegue il post – la rivoluzione passa anche qui, inarrestabile, il cui ideale conosce ora i vostri nomi, i vostri contatti telefonici, le vostre residenze. Possediamo anche fotocopie dei vostri documenti personali, di quelli dei vostri parenti ed amici, contratti di lavoro, contratti d’affitto, buste paghe e molto altro. Per l’ennesima volta lo Stato Italiano tradisce ed imbarazza i valori dei nostri militari che hanno giurato di difenderlo. Ma difendere chi? Difendere i propri cittadini o un governo che imbarazza le stesse forze di difesa?”.

 

La notizia del leak è stata diffusa dagli stessi hacker sul loro profilo Twitter,  YourAnonRevolt:

La notizia è arrivata nello stesso giorno in cui a Roma si tiene il 360 Cybersecurity Summit, dedicato proprio alla sicurezza in rete. Tra i documenti scaricabili dalla rete c’è, ad esempio, un’ordinanza della Questura di Roma relativa a diverse manifestazioni con data 10 novembre; uno scambio di mail tra funzionari di palazzo Chigi e membri della sicurezza, con tutti i nomi di chi oggi si sarebbe occupato dei sopralluoghi in vista dell’arrivo domani del premier Gentiloni. Ci sono poi le frequenze radio chieste e concesse all’Italia per le comunicazioni di sicurezza in occasione della visita del presidente del Consiglio a Bruxelles lo scorso ottobre, un documento del ‘Centro unico stipendiale esercito’ con le disposizioni relative agli stipendi dei militari e i numeri di cellulare di personale del ministero dell’Interno in missione all’estero. E, ancora, dati personali e foto di agenti e militari: curricula, dichiarazioni dei redditi, fotocopie di passaporti e carte d’identità, buste paga e contratti d’affitto. Dati privati e molto riservati, che ora sono scaricabili dal loro blog.

Per introdurre il comunicato, Anonymous ha scelto una citazione presa da ‘La Repubblica’ di Platone: “Ecco, secondo me, come nascono le dittature. Esse hanno due madri. Una è l’oligarchia quando degenera, per le sue lotte interne, in satrapia. L’altra è la democrazia quando, per sete di libertà e per l’inettitudine dei suoi capi, precipita nella corruzione e nella paralisi. Allora la gente si separa da coloro cui fa la colpa di averla condotta a tale disastro e si prepara a rinnegarla prima coi sarcasmi, poi con la violenza che della dittatura è pronuba e levatrice. Così la democrazia muore: per abuso di se stessa. E prima che nel sangue, nel ridicolo.”