“Attenzione disinfestazione Anpi” e “Italia cristiana mai musulmana”. Sono queste le scritte apparse su due striscioni di Forza Nuova appesi a Savona, uno davanti alla sede dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e l’altro davanti alla moschea di via Aglietto. Un doppio blitz che gli estremisti di destra hanno rivendicato sul loro profilo Facebook, spiegando di aver voluto ribadire la loro contrarietà “all’islamizzazione dell’Italia” e “chiedere la chiusura dell’associazione di parassiti facendo risparmiare così all’Italia milioni di euro l’anno”.


Immediata la reazione del Pd che ha espresso a Anpi e comunità musulmana la propria solidarietà e ha fatto appello alle “forze democratiche e antifasciste, ai partiti politici e alle istituzioni, alle associazioni e a tutti i cittadini” perché facciano “quadrato per difendere lo Stato democratico da rigurgiti che non possono essere più considerati episodi folkloristici“. Anche il deputato di Articolo1-Mdp, Stefano Quaranta, ha espresso solidarietà ricordando che “non bastano le parole di condanna. Le istituzioni vigilino con maggiore attenzione e si approfondisca il legame dell’estrema destra con la criminalità, come da ultimo a Ostia, vigilando sulla provenienza opaca delle risorse finanziarie di cui questi gruppi razzisti e violenti dispongono”.