Ricordate l’ingegnosa idea di dipingere strisce pedonali tridimensionali per creare un effetto ottico che rallenti le auto in prossimità dell’attraversamento? Ne avevamo parlato all’inizio di ottobre. Sottolineando come l’idea dell’amministrazione comunale della cittadina islandese di Ísafjördur, dove era stata messa in pratica, fosse originale quanto efficace nell’aumentare la sicurezza stradale.

A realizzarla ci aveva pensato la ditta specializzata in segnaletica stradale Vegamàlun, prendendo spunto da altre esperienze simili in giro per il mondo dove ne è partita da tempo la sperimentazione: in India, a Nuova Delhi, ma anche in Cina e Sud Africa.

In pratica si crea nell’automobilista, con un effetto ottico, la sensazione che ci sia qualcosa che blocca la strada, inducendolo istintivamente a rallentare. E facendo sì che i pedoni attraversino in maniera più sicura.

Ebbene, quegli “attraversamenti” sicuri sono stati documentati da un breve e divertente filmato realizzato dalla Gusti Production, che ha subito spopolato in rete e che rende bene l’idea di cosa significhi attraversare la strada avendo la sensazione di “volare” sulle strisce. Ve lo proponiamo qui di seguito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mercato Europa, viva il nazionalismo. Ecco le auto più vendute – FOTO

prev
Articolo Successivo

Opel, dai primi 100 giorni con PSA al futuro “elettrico”. Il piano industriale

next