Dopo dieci anni di assunzioni bloccate, l’Inps tornerà a reclutare giovani. Tito Boeri, presidente dell’istituto, ha firmato la delibera del concorso che garantirà 1.080 nuovi contratti. Se la pubblicazione del bando di concorso è prevista entro un massimo di 30 giorni, Boeri ha già reso noti i requisiti per potersi iscrivere: “Oggi indetto nuovo concorso Inps – ha twittato il presidente – Requisiti: laurea magistrale in economia, ingegneria gestionale o legge, certificato B2 inglese. Spargete voce”.

La nuova infornata è necessaria sia per portare forze fresche in un istituzione dove oggi l’età media dei dipendenti è decisamente alta (tre anni fa era di 53 anni) sia per consentire all’istituto di esaminare le domande di anticipo pensionistico presentate da chi ha i requisiti. “Senza la riorganizzazione dell’Inps sarà difficile l’attuazione del piano di anticipo pensionistico”, aveva spiegato Boeri in un’intervista a La Stampa dello scorso anno.

La pubblicazione del bando però ha suscitato alcune polemiche per uno dei requisisti richiesti, l’ultimo: il livello di inglese. Subito dopo l’annuncio su Twitter, alcuni utenti si sono lamentati del livello di conoscenza della lingua ritenuto necessario. “Il certificato B2 mi pare eccessivo“, scrive qualcuno. Mentre c’è chi addirittura giudica i titoli richiesti incostituzionali: “La certificazione B2 ha un costo che non tutti possono permettersi. Sarà un concorso per privilegiati in violazione all’articolo 3 della Costituzione”.