“Fatemi gli auguri che devo sopportarla con gli sbalzi ormonali”, scherza Fedez mentre abbraccia Chiara Ferragni. Dopo mesi di rumors, infatti, i due hanno fatto sapere tramite i loro profili social di aspettare un bebè: Chiara è al quinto mese. E, come in molti si aspettavano, subito dopo la lieta novella è cominciato il ‘tam tam’ social, con tanto di ecografia mostrata in una Instagram story e Fedez che, appoggiato alla pancia di Chiara, canta il suo nuovo singolo (con disappunto ironico della compagna). “Ovviamente da buon ipocondriaco – dice Fedez sempre in una storia di Instagram – io sono diventato un esperto di gravidanze, amniocentesi, vallocentesi (e Chiara pronta a correggerlo con “villocentesi”), abbiamo anche una app che ci dice quanto è grande il bimbo. All’inizio era grande come un edamame, ora è un avocado”.

Thank you everyone for the wishes for this new chapter.. This year has been the most magical I’ve ever experienced ✨ @fedez #5months

Un post condiviso da Chiara Ferragni (@chiaraferragni) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Annabella Sciorra de I Soprano: “Weinstein mi ha stuprata nel 1992. Ho vissuto per anni nel terrore, con una mazza da baseball accanto al letto”

prev
Articolo Successivo

Dormire bene? E’ un business. Il mercato del sonno fa gola a tutti: dai “nap bar” alle app dedicate

next