Tre giorni di lutto nazionale in “segno di dolore e solidarietà con tutta la popolazione nazionale per gli incendi dei boschi che hanno colpito diverse zone del Paese, provocando una perdita irreparabile di vite umane”. A dichiararlo è stato il governo portoghese, a seguito dell’ondata di incendi alimentati dall’uragano Ophelia che ha colpito il nord e il centro del Paese. Trentanove le vittime, tra cui anche un neonato, che hanno perso la vita a causa dei roghi che hanno colpito terreni coltivati e foreste in Portogallo e nel nordovest della Spagna ieri e oggi. Due le vittime in Irlanda.

Il Portogallo, che si stava ancora riprendendo dopo l’incendio più grave mai registrato, avvenuto a giugno e in cui erano rimaste uccise 64 persone, ha registrato in questi due giorni 36 morti. E al momento sette persone risultano ancora disperse. Almeno tre i morti in Spagna, nella regione della Galizia. Qui la maggior parte dei roghi è di origine dolosa e il ministro dell’Interno, Juan Ignacio Zoido, ha annunciato che alcuni dei responsabili sono già stati identificati; se condannati, rischiano fino a 20 anni di carcere. In Portogallo una persona è stata arrestata con l’accusa di avere appiccato il fuoco. In Portogallo i vigili del fuoco stanno ancora combattendo contro 50 focolai, e lo stesso nella vicina Spagna.

E a causa dell’uragano, diversi voli diretti agli aeroporti britannici sono stati dirottati a causa di odori insoliti a bordo. Easyjet ha fatto sapere che il fenomeno si è presentato su quattro suoi voli di ieri, probabilmente a causa delle condizioni atmosferiche create dalla tempesta che ha sparso nell’aria caldo tropicale e sabbia del Sahara. Dipendenti di Easyjet hanno riferito che due voli sono stati dirottati e altri due hanno anticipato l’atterraggio per precauzione. Episodi simili sono stati riportati dalla British Airways, che però non ha modificato i suoi piani di volo. Il dirottamento di alcuni voli a causa degli odori è stato riferito anche dal personale dell’aeroporto John Lennon di Liverpool.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Thilafushi, la pattumiera delle Maldive

next
Articolo Successivo

Malta, “la giornalista uccisa aveva scoperto passaggi di soldi da Azerbaigian a moglie del premier Muscat”

next