Anche se la matematica ancora non condanna la Ferrari nella corsa al titolo mondiale, le speranze, di riuscire nell’impresa, sono però ridotte al lumicino.

Ancora quattro gare, da affrontare però con la consapevolezza di avere una SF70-H competitiva, certo non affidabile, in questa fase del campionato, ma certamente all’altezza della Mercedes. Per buona parte della stagione, Sebastian Vettel, infatti, era davanti a tutti in classifica, dimostrazione assoluta di come la monoposto di Maranello fosse quest’anno competitiva.

Dopo Monza è accaduto l’impensabile. Forse spinti dalla voglia di recuperare dopo la disfatta del Gran premio di casa, forse sviluppi di motore troppo azzardati, sta di fatto che l’affidabilità si è persa e con lei, probabilmente, le speranze di vincere il mondiale piloti.

Fortunata (ma è solo un modo di dire) la Mercedes, che nel momento in cui appariva in leggera difficoltà, con degli sviluppi motoristici e aerodinamici che non convincevano in pieno piloti e tecnici, ha potuto “beneficiare” di una Ferrari che ha fatto “karakiri”.

Ad esempio, il pacchetto aerodinamico portato in Malesia, e lo vediamo nelle immagini sotto, fu utilizzato in qualifica e in gara solo da Bottas, mentre Lewis Hamilton preferì utilizzare la configurazione precedente. Solo in Giappone, l’inglese ha impiegato le novità “malesi”.

Riproposte, quindi, le zanne maggiorate ai lati del musetto – vedi fig. 1 – capaci ora di convogliare nella parte bassa della vettura, verso il T-tray, una quantità d’aria maggiore. Modifica che innalza i livelli di carico sull’asse anteriore visto che, l’aumento della superficie del profilo delle “zanne”, permetterà lo scorrimento lungo i dorsi di una quantità d’aria maggiore.

Installati, nuovamente, anche i nuovi deflettori laterali, – vedi det. 1 fig. 2 e det. 2 fig. 2 – studiati per migliorare lo scorrimento dei flussi aerodinamici ai lati della vettura e rivista inclinazione e forma dei “coltelli” sia verticali che orizzontali Quest’ultimi, ridotti da 4 a 3, soluzione, evidentemente ritenuta più efficacie dal team di Brackley.

Se in casa Ferrari hanno osato, dimostrando di avere coraggio, forse ciò che è mancata è la freddezza e la tranquillità di un team che si è trovato probabilmente troppo sotto pressione in un momento di fondamentale importanza per la corsa al titolo iridato.

Almeno che si chiuda con qualche vittoria entro le prossime ultime quattro gare, nella speranza di salutare, degnamente, una stagione comunque positiva e che ha visto una Ferrari crescere e raggiungere la Mercedes in modo del tutto inaspettato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

F1 2018, Ferrari campione del mondo

next
Articolo Successivo

Formula 1, le possibili soluzioni aerodinamiche in vista di Austin

next