Ieri sera le mie amiche mi hanno fatto una bellissima sorpresa, organizzandomi una serata al buio. Mi hanno portato a vedere L’inganno di Sophia Coppola al nuovo cinema Anteo a Milano. E voi direte: beh ti hanno portato al cinema, sai che sorpresa. E qui vi sbagliate perché L’inganno al nuovo Anteo di Milano è proiettato sia in una sala normale che nell’esclusivissima Sala Nobel… dove ceni mentre vedi il film.

Vi siete incuriositi, vero?

La sala Nobel è bellissima, piccolina, con soli 18 posti con poltrone stra-comode, tutte dotate di un tavolino girevole e una luce soffusa che si accende senza dar fastidio agli altri vicino a te. Quando entri una hostess davvero carina e discreta ti accoglie e ti spiega che nella prenotazione del biglietto è compresa la cena, organizzata da Eataly (che ha la sua sede milanese proprio attaccata all’Anteo), ti lascia un menù e ti fa scegliere tra tre combinazioni, con un antipasto, un secondo, un dolce, un bicchiere di vino e il caffè, mentre acqua e pane li trovi già di fianco al tavolino quando arrivi, insieme alle posate.

Tu scegli il tuo menu e appena tutti sono arrivati si spengono le luci.

In modo talmente discreto da non farne quasi accorgere, la hostess ti porta i primi due piatti durante la prima parte del film: tutti mangiano in silenzio mentre sotto scorre la pellicola. C’è poi un breve intervallo si assicura che vada tutto bene o se desideri altro – che eventualmente si paga a parte; quando ricomincia il film, lei ti serve il dolce.

Se avevo delle perplessità sul fatto che questo andirivieni potesse disturbare la visione, devo dire che le ho fugate tutte. La hostess non la vedi quasi, silenziosissima sia nel mettere che nel togliere i piatti, e gli spettatori in sala hanno cenato senza disturbare nessuno.

I tre menu erano tutti appetitosi: io, alla fine, ho scelto Audrey – la solita romantica – e devo dire che ho mangiato davvero bene.

Ho sbirciato i prezzi (le mie amiche mi perdoneranno visto che era un regalo, ma non ho resistito): i tre spettacoli disponibili sono negli orari di pranzo, aperitivo e cena al costo rispettivamente di 25, 18 e 35 euro, tutto compreso. Una cifra che si spenderebbe in una normale serata cinema più pizza, con il vantaggio di avere una cena di ottima qualità servita.

Il film di Sophia Coppola mi è piaciuto così così: bravi gli attori, bellissima ambientazione ma trama un po’ debole e storia che alla fine ti lascia ben poco. Ma averlo visto in un contesto così originale alla fine ha fatto passare in secondo piano anche la mediocrità del film facendomi godere una serata unica, un po’ chic, molto cool e davvero diversa.

Ve la consiglio, è un’esperienza da provare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 23 settembre

prev
Articolo Successivo

Terminator, Cameron torna a produrre Schwarzenegger. E dopo 25 anni si rivede Linda Hamilton

next