Una quindicina di spot video, di venti secondi ciascuno, tutti in dialetto locale lombardo. E tutti senza loghi e simboli di partito. Li ha presentati la Lega nord Lombarda in una conferenza stampa nella sede di via Bellerio, a cui ha partecipato anche il presidente della Regione, Roberto Maroni. Fanno parte della campagna di comunicazione per promuovere il Sì al referendum consultivo per l’autonomia della Lombardia, in programma il 22 ottobre, in contemporanea con quello del Veneto.  Gli spot, già visibili sulle pagine Facebook, saranno trasmessi anche sulle tv locali.  I protagonisti sono per lo più lombardi: ci sono Lucia Mondella che va al seggio con la barca e l’operaio bergamasco che non riesce a ritirarsi dal lavoro. Unica eccezione “un siciliano”, interpretato (in maniera stereotipata) da un attore con camicia sbottonata e catenella d’oro al collo, che chiede di andare a votare per l’autonomia “perché il pane e il lavoro me li ha dati la Lombardia”. Tra gli spot anche uno ambientato sul cavalcavia crollato ad Annone il 28 dicembre del 2016, dove morì una persona (e altre cinque rimasero ferite). “Una scelta di cattivo gusto scherzare su una tragedia” hanno commentato alcuni sui social network.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sicilia, alle regionali mancano 50 giorni ma all’Ars nascono 6 nuovi gruppi. Obiettivo: evitare la raccolta firme

prev
Articolo Successivo

Stupro Roma, il Campidoglio chiede alla Regione i fondi per la videosorveglianza. Ma i termini del bando sono scaduti

next