“Ero bloccata in casa, non riuscivo a uscire” . È ancora sconvolta l’anziana signora, che abita al piano terra di un’abitazione all’incrocio con viale Nazario Sauro, una delle zone di Livorno più danneggiate dal nubifragio della notte scorsa. “Il telefonino – racconta mostrandoci la camera ancora piena di fango – mi è caduto in acqua e ho iniziato a urlare, sono salita sul tavolino”. Poi, quando l’acqua ha iniziato a defluire, è riuscita a uscire da casa. “Avevamo 40 centimetri di fango, dobbiamo buttare via tutto” aggiunge il figlio.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili