Chuck Norris è sopravvissuto a due arresti cardiaci in 45 minuti. A riportare la notizia è stato il giornale online statunitense Radar Online. Il fatto, diventato noto solo oggi, è accaduto nella notte tra il 16 e 17 luglio scorsi mentre l’attore si trovava a Las Vegas per i campionati del mondo delle “united fighting arts”, la cui federazione mondiale è fondata dallo stesso Norris. Il protagonista di Walker Texas Ranger, ha scritto il sito che si occupa principalmente di star di Hollywood, è stato “molto vicino alla morte” ma il “suo fisico l’ha sostenuto, nonostante l’età avanzata”. Norris è stato il primo occidentale ad ottenere la cintura nera 8° Dan di taekwondo e 7 volte campione del mondo di Karate Shotokan. 

L’attore era insieme alla moglie, Gena O’Kelley. “Tutto è successo molto velocemente – ha raccontato – Sembrava una scena di un film, ma era tutto vero”. Secondo la ricostruzione di Radar Norris è stato colpito da un primo malore al Tonopah Station Hotel dopo essere rientrato nella suite: è crollato a terra con gravi dolori al torace mentre si stava facendo la doccia. I soccorritori hanno usato il defibrillatore e dopo pochi secondi le condizioni dell’attore si sono stabilizzate. Ma un nuovo infarto ha colpito l’attore appena arrivato all’ospedale. L’intervento dei medici ha consentito una nuova stabilizzazione e il trasporto d’urgenza al Renown Regional Medical Center di Reno, sempre nel Nevada. Qui lo stato di salute del protagonista di Walker Texas Ranger è “progressivamente migliorato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Macron ha speso 26mila euro per il trucco”, polemiche in Francia per il maquillage presidenziale

next
Articolo Successivo

Il sindaco più elegante d’Italia? Quello di Viareggio che fu cacciato dal ristorante perché aveva i bermuda. Del Ghingaro batte De Magistris

next