In futuro le Audi a propulsione elettrica sfrutteranno il sole per massimizzare l’autonomia garantita dalle loro batterie: in pratica avranno dei sistemi fotovoltaici installati sul tetto per catturare l’energia solare. Una prima applicazione di questa tecnologia potrebbe essere mostrata già quest’anno su un inedito prototipo.

A dire il vero non si tratta di un’idea del tutto nuova in campo automotive e ci sono già diverse applicazioni concettualmente simili a quella del costruttore tedesco: basti pensare a modelli come la Nissan Leaf (che ha un piccolo pannello fotovoltaico opzionale) o all’ultima Toyota Prius plug-in hybrid, su cui il fotovoltaico contribuisce a ricaricare le batterie, migliorando quindi l’efficienza di marcia complessiva.

Il pannello solare da 180 watt della Prius in particolare è prodotto dalla Panasonic ed è appositamente ideato per uso automobilistico: garantisce alla giapponese fino a 6 chilometri di autonomia in più quando si viaggia in modalità elettrica, pari a circa il 10% della percorrenza media annuale a emissioni zero, perlomeno secondo Toyota. Un’opzione che potrebbe presto arrivare sulla chiacchieratissima Tesla Model 3.

E c’è anche chi ha estremizzato il concetto: ad esempio la tedesca Sono Motors ha completamente rivestito la carrozzeria della sua Sion di pannelli solari. Si tratta di un’elettrica da 80 kW di potenza con range extender: sulla vettura, attesa al debutto commerciale nel 2019, 30 km di autonomia extra – che si sommano ai 200 assicurati dal pacco batterie – sono garantiti da 330 celle fotovoltaiche sparse su tetto, cofano e portiere.

Per i suoi tetti solari Audi di avvarrà invece della partnership con Alta Devices, una società controllata della cinese Hanergy con sede a Sunnyvale, nella Silicon Valley. L’energia proveniente dal sole servirà ad alimentare dispositivi come il climatizzatore o il sistema di riscaldamento dei sedili. Mentre in un secondo tempo – col progredire della tecnologia fotovoltaica e con superfici irraggiate estese per tutto il tetto dell’auto – le radiazioni accumulate potrebbero servire per contribuire alla marcia del veicolo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volkswagen, l’erede elettrico del “vecchio” Bulli arriverà nel 2022 – FOTO

next
Articolo Successivo

Guida autonoma, non solo telecamere e sensori. Alle auto servono le “orecchie”

next