Tentativo di sgombero da parte delle forze dell’ordine, dell’accampamento di via Curtatone a Roma. Clima teso tra i rifugiati, soprattutto eritrei, al grido di “Siamo rifugiati, non terroristi. Vogliamo una casa” e la polizia in tenuta antisommossa. Chi è rimasto nel palazzo – donne, bimbi e anziani – ha lanciato oggetti dai balconi e riposto bombole a gas sui davanzali. La trattativa per liberare piazza Indipendenza, accanto alla centralissima stazione di Termini, per il momento ha portato a un nulla di fatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massa Carrara, professore sul monte Sagro con la bandiera della Rsi alla vigilia dell’anniversario dell’eccidio di Vinca

next
Articolo Successivo

Milano, scarcerato dopo l’arresto per stalking chiama la vittima: “Ho vinto io”

next