La favola di Malala Yousafzai, la ragazza pachistana simbolo della lotta per l’istruzione femminile, perseguitata dai talebani e ferita nel corso di un attentato nel 2012, sembra davvero giunta al lieto fine. La diciannovenne, che oggi vive a Birmingham con la famiglia, ha annunciato sui social di essere stata ammessa all’Università di Oxford, dopo aver superato il test di ingresso con il massimo dei voti. Malala studierà politica, economia e filosofia in uno degli atenei più prestigiosi del mondo, un’opportunità arrivata direttamente da Oxford nel marzo scorso, a patto, però, di ottenere il massimo dei voti nei test sulle tre materie. Missione compiuta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Quel tavolo è mio!”: in Salento va in scena (forse) la lite in discoteca tra vip (o presunti tali)

next
Articolo Successivo

Lezzi e il Pil che cresce per il caldo: su Twitter si scatena l’ironia

next