La favola di Malala Yousafzai, la ragazza pachistana simbolo della lotta per l’istruzione femminile, perseguitata dai talebani e ferita nel corso di un attentato nel 2012, sembra davvero giunta al lieto fine. La diciannovenne, che oggi vive a Birmingham con la famiglia, ha annunciato sui social di essere stata ammessa all’Università di Oxford, dopo aver superato il test di ingresso con il massimo dei voti. Malala studierà politica, economia e filosofia in uno degli atenei più prestigiosi del mondo, un’opportunità arrivata direttamente da Oxford nel marzo scorso, a patto, però, di ottenere il massimo dei voti nei test sulle tre materie. Missione compiuta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Quel tavolo è mio!”: in Salento va in scena (forse) la lite in discoteca tra vip (o presunti tali)

prev
Articolo Successivo

Lezzi e il Pil che cresce per il caldo: su Twitter si scatena l’ironia

next