Sono 1200 i musicisti provenienti da tutto il mondo che il 28 e il 29 luglio si sono esibiti in contemporanea in Val Veny, ai piedi del Monte Bianco, nel super concerto Rockin’ 1000. Nella prima serata è andato in scena il prologo intorno al grande falò celtico sulle note di ‘Tender’ dei Blur. Sabato pomeriggio invece è stato il momento del concertone che ha radunato in un anfiteatro formato dalle morene glaciali del massiccio alpino circa 7000 persone tra musicisti (chitarre, bassi, batterie, tastiere e voci) e spettatori con una scaletta di tre medley di oltre 15 brani della storia del rock da Bohemian Rhapsody dei Queen a Born To Run di Bruce Springsteen. Il format è nato da un’idea di Fabio Zaffagnini nel 2015, quando per la prima volta al mondo mille musicisti si radunarono in un parco di Cesena per suonare Learn to Fly dei Foo Fighters. “Abbiamo voluto alzare l’asticella da tanti punti di vista – spiega il patron Zaffagnini – sia sul versante logistico sia dal punto di vista musicale”. Nella valle sopra Courmayeur, chiusa in occasione dell’evento, è stato allestito anche un vero e proprio Summer camp con laboratori musicali, corsi di yoga, animazioni per i bambini ed escursioni naturalistiche

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Artica, la Panacea è fatta di suoni

next
Articolo Successivo

Guido Elmi, morto lo storico produttore e compagno di strada di Vasco Rossi

next