La settimana scorsa le Nazioni Unite hanno avvisato che, dopo 10 anni di blocco terrestre, marittimo e aereo da parte di Israele e tre conflitti armati, le condizioni di vita a Gaza hanno oltrepassato la soglia dell’invivibilità.

La drastica diminuzione delle forniture di energia elettrica, l’aumento della disoccupazione fino a toccare il 60 per cento della popolazione di Gaza e un sistema sanitario giunto ormai al collasso illustrano concretamente e drammaticamente il concetto di “invivibilità”.

Quest’anno tre neonati e altri sei pazienti sono morti nell’unità di terapia intensiva dell’ospedale al-Shifa, i cui dirigenti hanno atteso invano che a Ramallah l’Autorità palestinese mettesse a disposizione i fondi necessari per fornire le cure mediche necessarie fuori dalla Striscia di Gaza.

Come spiega Rachel Borrell, assistente alla ricerca e alle campagne di Amnesty International su Israele e sui Territori palestinesi occupati in un articolo pubblicato originariamente su Newsweek, ottenere la copertura finanziaria da Ramallah è fondamentale perché i gazani possano chiedere l’autorizzazione a varcare il confine di Erez per ricevere cure mediche in Israele.

Secondo il quotidiano israeliano Haaretz, da aprile queste richieste sono state volutamente ignorate o ritardate da Fatah per mettere in difficoltà Hamas e aumentare il malcontento tra la popolazione di Gaza. Lo stesso per quanto riguarda l’elettricità.

Abu Khalil e la sua famiglia sono finiti dentro questo cinico modo di giocare con le vite delle persone. Due dei suoi figli, Abdallah e Khalil di 27 e 29 anni, soffrono di talassemia. L’eccessivo di ferro nel sangue può causare danni cardiaci gravi e in alcuni casi letali. Due amici di Abu Khalil sono morti appena un mese fa.

Un medico israeliano si è detto disponibile a effettuare dei test al Centro medico di Sheba, in Israele, per valutare l’opportunità di un trapianto di midollo osseo: a Gaza un intervento del genere è inimmaginabile.

Abu Khalil ha iniziato la lunga trafila per ottenere la copertura dei costi da parte dell’Autorità palestinese. Le richieste sono almeno 1600 e molte di queste riguardano pazienti affetti da tumori. A Gaza, il 90 per cento dei medicinali per curare il cancro non è più disponibile.

Dal 2 luglio, dopo le denunce della stampa internazionale, l’Autorità palestinese ha ripreso a sottoscrivere la copertura delle spese mediche. Ma ad Abu Khalil è stato detto di fare la scelta più crudele: quale dei due figli vuoi far curare?

Ha scelto Khalil, che se le cose si faranno in fretta potrà ricevere le cure mediche in Israele. Sempre che riesca a entrarci: dall’inizio dell’anno, Israele ha introdotto regole più severe e appare particolarmente riluttante a consentire l’ingresso dei giovani gazani di sesso maschile. Per Abdallah, se ne riparlerà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kenya, coppia di italiani rapinati in villa: uccisa la donna, grave il marito

next
Articolo Successivo

Polonia, il presidente annuncia il veto su due norme della riforma della giustizia: “I giudici devono essere indipendenti”

next