Nel mondo le persone che soffrono di depressione sono più di 300 milioni (vedi il post precedente) e i farmaci più usati sono gli antidepressivi triciclici e gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (Ssri e Snri). Un recente articolo del Professor Yacov Reisman, urologo e sessuologo, pubblicato dalla rivista Sexual medicine reviews riporta che negli Stati Uniti gli Ssri sono il terzo farmaco più prescritto, usati dal 7% della popolazione, mentre in Europa, in alcune nazioni, sono usati dal 3% della popolazione.

Gli antidepressivi Ssri (paroxetina, dapoxetina, fluoxetina ecc.) sono usati non solo per la depressione, ma anche per la cura dell’eiaculazione precoce, che però non è una malattia (come ho scritto in un precedente post) e dei disturbi ossessivo-compulsivo, da attacchi di panico, d’ansia, da stress post-traumatico.

Tra gli effetti collaterali degli antidepressivi ci sono le disfunzioni sessuali e la prima cosa da fare è, senza vergognarsi, riferire subito questi disturbi al proprio psichiatra, che ridurrà il dosaggio o cambierà il farmaco. Con la sospensione del farmaco questi effetti scompaiono, però a volte persistono e si parla di disfunzioni sessuali post-Ssri, ma possono persistere anche dopo la sospensione degli Snri (duloxetina, venlafaxina, ecc.), e degli antidepressivi triciclici (amitriptilina ecc.), della finasteride usata per la calvizie maschile e l’ipertrofia prostatica, di isotretinoina usato per curare l’acne, e di alcune droghe come l’ecstasy (maggiori informazioni in Wikipedia).

Le disfunzioni sessuali post-Ssri più frequenti sono: difficoltà ad avere e mantenere l’erezione, assenza del desiderio, perdita o diminuzione della risposta agli stimoli sessuali, orgasmo ritardato e anorgasmia, ridotta o nessuna sensazione di piacere durante l’orgasmo, ridotta o assente sensibilità genitale.

Le cause non si conoscono, ci sono solo ipotesi, si pensa che ci sia uno squilibrio nel sistema dei neurotrasmettitori; sulla frequenza-incidenza si sa poco, ma alcuni studi riportano che il 60-70% dei pazienti con depressione riporta una disfunzione sessuale, e se persiste deve essere presa in considerazione la diagnosi di disfunzione sessuale post-Ssri.

Le terapie per ora hanno ottenuto scarsi risultati, vengono usati farmaci che diminuiscono l’attività serotoninergica e aumentano l’attività dopaminergica. Per la disfunzione erettile è usato anche il sildenafil (viagra) o farmaci simili, ma non hanno effetti sulla sensibilità genitale e sulle sensazioni di piacere.

Queste disfunzioni possono durare per mesi o anni e colpire donne e uomini di tutte le età, purtroppo spesso chi ne è affetto non sa che la causa sono gli antidepressivi, e ci sono molti medici che non sanno dell’esistenza delle disfunzioni sessuali post-Ssri, per questo è molto importante parlarne anche nei mass-media.

Alcune persone (“disperate”), per email, mi hanno fatto delle domande e chiesto consigli per curare le disfunzioni sessuali post-Ssri, ma io non sono uno psichiatra, ho risposto con quello che ho scritto sopra, e con qualche suggerimento sessuologico: se c’è una insensibilità genitale, è inutile insistere a fare sesso con il partner (o la masturbazione), quindi, anche se la depressione è superata, è proibito non solo fare sesso (e masturbazione, e non guardare pornografia), ma anche di pensare al sesso. Per due o tre mesi, bisogna fare una vita tranquilla, senza stress, senza pensare al “problema” (non è facile, ma si può provare): mangiare sano, con vitamine, integratori, no fumo, alcol né droghe, fare attività fisica, e intanto fare gli esercizi muscolari perineali di Kegel.

Chi volesse approfondire, chiedere informazioni, leggere testimonianze o esperienze di pazienti, conoscere eventuali nuove terapie e studi sulle disfunzioni sessuali post-Ssri, trova tutto in questo blog.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Solfuria, tra virtuale e reale: piacere a senso unico, un incontro di fronte alla porta di casa

next
Articolo Successivo

Natiche tonde e sode? No grazie, la cellulite è più sexy

next