Siete pigri, ma talmente pigri da non avere neanche voglia di uscire a fare il pieno di carburante alla vostra auto? Niente paura, c’è chi lo fa per voi. O meglio, chi ve lo porta a casa. E’ la Shell, che sta sperimentando il servizio sul mercato olandese, e per la precisione a Rotterdam. Anche se ad onor del vero l’idea l’aveva avuta prima di tutti la Bentley, che si era dotata di una app in grado di raccogliere gli ordini dei propri clienti ed offrigli qualcosa di molto simile. Ma si parla di una clientela extra lusso, mentre in questo caso l’iniziativa è rivolta a consumatori “normali”.

Le consegne vengono effettuate da un camioncino a propulsione elettrica, in grado di recapitare a domicilio il “pieno” di almeno dodici vetture, benzina o diesel. Naturalmente tutto questo comporta un costo aggiuntivo rispetto al prezzo del carburante (uguale a quello delle stazioni di servizio Shell): una commissione di 3 euro e 95 centesimi. Non proibitiva, dunque.

Il servizio viene gestito tramite la app TapUp, disponibile sia su sistema iOs che Android, e l’importo della transazione viene addebitato direttamente su carta di credito. Il cliente deve solo indicare l’ora preferita in un arco temporale che va dalle 13 alle 20, insieme naturalmente all’indirizzo a cui trovare il mezzo. E godersi lo spettacolo di starsene comodamente seduti sul divano mentre qualcun altro ti fa il pieno alla macchina davanti casa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antitrust Ue, multa da 27 milioni di euro per Automotive Lighting e Hella. Si salva Valeo

next
Articolo Successivo

Autovelox e Tutor, niente rimozione della cartellonistica che li segnala. Ma occhio al super telelaser

next