Abbiamo scelto di difendere le competenze dei nostri talenti. E di fronte a polemiche, critiche e attacchi difendo ancora di più la nostra scelta. Il nostro obiettivo è moltiplicare il valore dei talenti della Rai. Cominciare perdendo uno di questi sarebbe stato un danno alla prima azienda culturale del Paese. È con loro che vogliamo costruire il futuro”. È con queste parole che Mario Orfeo, fresco direttore generale dopo l’abbandono di Antonio Campo Dall’Orto, è tornato sulle polemiche dei giorni scorsi seguite al rinnovo contrattuale milionario di Fabio Fazio. L’occasione era quella della presentazione ufficiale milanese dei palinsesti Rai per la prossima stagione, con i direttori di rete Andrea Fabiano, Ilaria Dallatana e Daria Bignardi a darsi il cambio sul palco per annunciare conferme (tante) e novità (poche) che attendono gli spettatori da settembre in poi.

Orfeo, tra le altre cose, ha detto anche che “l’informazione è una cosa seria e non si fa con le urla o facendo spettacolo”. Parole che a molti sono sembrate una stilettata diretta a Massimo Giletti, dopo la cancellazione della sua Arena della domenica pomeriggio e un sempre più probabile abbandono, visto che il nome del giornalista torinese non è stato fatto nemmeno per sbaglio durante la presentazione dei palinsesti. Ma mentre in molti danno tutto per scontato, Orfeo lascia una porta aperta: “Abbiamo offerto a Giletti il sabato sera di RaiUno, dodici grandi eventi musicali sul modello di quelli dello scorso anno, reportage estivi dai fronti internazionali dove sono presenti i contingenti italiani. Siamo fiduciosi che accetti e resti con noi anche la prossima stagione”.

Palinsesti Rai 2017-2018, Fabio Fazio: “Subita inusuale violenza”. E il direttore Orfeo lascia la porta aperta a Giletti

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Temptation Island, fidanzata e tentatrice sono amiche: sui social scoppia la polemica. E la redazione del programma risponde

next
Articolo Successivo

Il primo festival di SkyArte diventa un film: le voci dei 150 protagonisti

next