Digital reputation, social recruiting, job interview online: il boom della tecnologia stravolge anche il mondo del lavoro. Negli ultimi anni, la ricerca di un’occupazione si  svolge sempre più online. Lo sa bene Marzia Scalera, giovane crotonese esperta in risorse umane, che come tanti suoi conterranei è partita per costruirsi una carriera. Lei, però, è finita per decidere il futuro lavorativo di tanti suoi coetanei: per lunghi anni, ha lavorato come recruiter in realtà aziendali come L’Orèal Italia e Coca Cola. Ma quasi tre anni fa ha deciso di inventarsi un lavoro che aiuti gli altri a trovarlo. JoBBee.it è la ricetta anticrisi che Scalera propone in un Paese in cui sempre più candidati cercano affannosamente lavoro ma si presentano ai colloqui impreparati o con curriculum mal redatti.

L’idea di JoBBee.it è nata grazie a mio marito che, vedendomi costantemente revisionare curriculum e profili Linkedin di amici e parenti, mi ha suggerito di mettere su un portale online e di offrire la mia conoscenza del mondo del recruiting. Cerco, così, di aiutare e migliorare le candidature di chi cerca lavoro, e supportarlo spiegandogli le regole messe in atto nelle multinazionali, così da aumentare le probabilità di essere contattati per un colloquio di lavoro” ci confessa Marzia Scalera illustrandoci come i servizi che propone sono sempre personalizzati in base all’esigenza dei clienti.

Girovagando sulla rete ci si imbatte in numerosi quanto improbabili siti che assicurano di far trovare lavoro in semplici mosse, ma JoBBee non si basa sull’approccio pre-confezionato. “Proponiamo sempre un approfondimento telefonico con un nostro consulente per garantire risposte mirate. Offriamo servizi di revisione curriculum e lettera di presentazione, riscriviamo non solo i contenuti per parole chiave ma riorganizziamo anche la grafica per aumentare la probabilità di attirare il selezionatore. Di recente, abbiamo istituito un servizio di traduzione in lingua inglese per consentire ai candidati di utilizzare il curriculum o profilo Linkedin revisionato anche all’estero o  nelle multinazionali. Inoltre, offriamo anche il corso interattivo al corretto utilizzo di Linkedin per trovare lavoro, il tutoring di simulazione di un colloquio di lavoro, e servizi di consulenza interattiva tramite Skype” ci spiega la fondatrice di JoBBee raccontandoci come tali servizi  abbiano target diversi e siano in continua evoluzione.

I costi di JoBBee sono contenuti, in base al servizio richiesto e agli anni di esperienza del cliente.  “Partiamo dall’analisi gratuita di curriculum e lettera di presentazione passando a un range che va tra i venticinque e i sessantanove euro per la revisione del curriculum fino ai novantanove euro per un’ora di consulenza Skype” aggiunge dichiarandosi orgogliosa della risposta registrata sull’intero territorio nazionale.

La soddisfazione più grande sono i clienti che ci richiamano perché hanno cambiato lavoro o semplicemente perché possono giocarsi il tutto per tutto in sede di colloquio, perché finalmente le aziende li contattano dopo l’invio dei curriculum” conclude Marzia Scalera, ricordando a tutti coloro fossero interessati di scrivere a info@jobbee.it per richiedere un preventivo personalizzato, e visitare la pagina Facebook o il sito www.jobbee.it ove è presente anche un blog tematico su strategie, suggerimenti e nuovi strumenti per cercare lavoro. E trovarlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“La collezionista di peni”, la storia di Laura Dodsworth

next
Articolo Successivo

Maturità 2017, Salvatore Aranzulla “percula” i suoi fan nella notte prima degli esami: “Sto rischiando grosso”

next