Ormai la tendenza è quella, e allora via con l’anteprima dell’anteprima. Dunque anche se il suo debutto è previsto dopo l’estate, al salone di Francoforte, e il suo lancio commerciale verso la fine dell’anno, i vertici Citroen hanno deciso di svelare con quache mese d’anticipo la nuova C3 Aircross. Sorella minore di quella C5 Aircross, anch’essa fresca di presentazione, a cui fa parecchio il verso in tema di estetica.

La C3 Aircross è un simil-suv di segmento B, in rapida ascesa a livello continentale insieme a quello delle compatte pure: lunga 4,15 metri, bagagliaio tutto sommato ampio (da 410 a 1.289 litri di capienza), è costruita sulla stessa piattaforma della C3 di cui è un paio di centimetri più alta da terra. Soluzione in squisito stile crossover, così come dettagli sparsi quà e là che richiamano vocazioni vagamente offroad (barre sul tetto, inserti in alluminio, protezioni su passaruota e paraurti, etc).

Quest’auto, tuttavia, è pensata per un utilizzo prettamente urbano, quindi niente trazione integrale bensì anteriore. Ma all’occorrenza può contare sull’elettronica, e specificamente sul Grip Control che dà una mano in caso scarsa aderenza grazie al selettore che permette diverse modalità alternative alla guida standard (Sabbia, Fuoristrada e Neve), così come il sistema di assistenza in discesa.

Non l’unico ausilio per chi è al volante, dal momento che la C3 Aircross dispone anche, tra le altre cose, di frenata “attiva”, assistenza al parcheggio e retrocamera, avviso di superamento della carreggiata e angolo cieco, riconoscimento di limiti e segnali stradali. Mentre sul fronte infotainment c’è da ricordare l’head-up display, come pure la ricarica wireless dello smartphone, che si interfaccia con l’auto tramite il Connect Nav con lo schermo a “specchio”.

Untima nota, dal momento che ovviamente il prezzo ancora non è disponibile, per i motori. Al lancio saranno disponibili unità a benzina Puretech con potenze di 82, 110 (unico motore abbinabile al cambio automatico opzionale) e 130 Cv, mentre sul versante gasolio ci si affida al BlueHDi nelle due varianti da 100 e 120 cavalli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sport utility, che passione. Ecco i piani per il futuro (prossimo) di Audi – FOTO

next
Articolo Successivo

Hyundai Kona, il nome viene dalle Hawaii. Tutto il resto da Seoul – FOTO

next