A volte non si beve per dimenticare, bensì per ricordare. Da oggi sarà possibile trovare la birra “Io sono 141” che porta lo stesso nome del circolo Arci di Livorno dove sarà messa in vendita. E’ prodotta artigianalmente dal Piccolo Birrificio Clandestino, un locale della città toscana, e – come si legge sull’etichetta – è “Forte, tenace, persistente. La birra di chi non si arrende”. Proprio come Loris Rispoli, presidente dell’associazione 140, che da 26 anni si batte per ottenere la verità sulla tragedia del Moby Prince, avvenuta a Livorno il 10 aprile 1991. Morirono in 140, tra questi anche la sorella di Loris, Liana. Forte, tenace, persistente: “Queste parole sono le caratteristiche della nostra associazione, di chi chiede da 26 anni con forza che si faccia verità e giustizia su questa vicenda” dice Rispoli. Dal 2015 una commissione parlamentare d’inchiesta in Senato sta lavorando per fare luce sulle cause del disastro: “Le audizioni fatte finora dalla Commissione sono tantissime” afferma Rispoli e auspica che vengano auditi anche “l’ingegner Luigi Boeri che era rappresentante della commissione istituita da Regione Toscana per fare chiarezza su questa vicenda e l’onorevole Biricotti, vice presidente di una commissione parlamentare che nel 1998 chiuse con delle conclusioni molto dure nei confronti dell’Armatore, della Capitaneria e di chi quella notte aveva male operato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bari, bambina morta di Seu: prima del decesso era stata già portata in ospedale e subito dimessa

prev
Articolo Successivo

Roma, vigilante ucciso a casa da un colpo della pistola del collega. Lui si difende: “Un incidente mentre pulivo l’arma”

next