Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha concesso la grazia a Nicola Giuseppe Scomparin, condannato a vent’anni e due mesi di reclusione dalle autorità thailandesi per detenzione di sostanze stupefacenti. Lo ha reso noto il Quirinale in un comunicato stampa: la domanda di grazia è stata accolta favorevolmente dal momento che “la pena detentiva già scontata da Scomparin è notevolmente superiore a quella normalmente inflitta in Italia per fatti analoghi”.

Il reato era stato commesso nel 2006 in Thailandia, dove era stato trovato in possesso di circa 32 grammi di eroina e 9 di marijuana. Lì Scomparin aveva scontato parte della pena detentiva, fino al 2012, quando era stato trasferito in Italia. La pena sarebbe terminata fra otto anni, nel maggio 2025, ma oggi il presidente Mattarella ha firmato il decreto con cui gli è stata concessa la grazia totale della pena ancora da espiare. La decisione tiene conto del parere favorevole del ministro della Giustizia e delle autorità giudiziarie competenti: oltre alla sproporzione della pena inflitta in Thailandia rispetto a quella che avrebbe ottenuto in Italia è stata considerata la buona condotta del detenuto nel corso degli anni.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uranio impoverito, ministero Difesa condannato a risarcire genitori militare morto con 642mila euro

next
Articolo Successivo

Abusivismo edilizio, 80enne in carcere: costruì nel parco della Valle dei Templi

next