Quasi quattromila euro di multa per aver pubblicato atti coperti dal segreto istruttorio: la Corte europea dei diritti dell’uomo ha confermato la condanna inflitta dai tribunali svizzeri ad un giornalista. La sentenza, decisa all’unanimità, stabilisce che i giornalisti non hanno il diritto di violare il segreto istruttorio in nome della libertà di stampa sottolineando che il rispetto del segreto istruttorio non protegge solo le persone coinvolte nell’inchiesta penale. La Corte afferma che il segreto istruttorio garantisce infatti il buon funzionamento della giustizia, oltre al diritto dell’accusato ad avere un processo equo e i diritti del ricorrente e delle presunte vittime al rispetto della loro vita privata. Inoltre, secondo la Corte, la sanzione imposta al giornalista (una multa di circa 3.850 euro) non rischia di avere un effetto dissuasivo sull’esercizio della libertà di stampa, e non limita il diritto di informare il pubblico su una procedura penale in corso.

La sentenza della Corte di Strasburgo arriva qualche giorno dopo quella sul caso del settimanale francese Le Point, che aveva pubblicato atti giudiziari sul caso Bettencourt, ereditiera dell’impero L’Oreal, prima della loro lettura in aula. Anche in questo caso i giudici hanno affermato che sanzionare i giornalisti per la pubblicazione di atti giudiziari coperti da segreto non viola il diritto alla libertà di stampa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Privacy, l’allarme del Garante: “Cresce la pedopornografia, fonte involontaria sono le foto dei bambini postate dai genitori”

next
Articolo Successivo

Premio Strega, Sanremo e tutto il resto: di cosa parliamo al corso sul giornalismo culturale

next