“Il tema del voto non si pone sulla base della legge elettorale ma sulla base di che tipo di manovra vogliamo fare. La mia idea è diversa da quella di Monti perché la cultura dell’austerity ha creato un aumento dei disoccupati e a me interessa ridurle. Sei mesi prima o dopo sulla data delle elezioni non cambia niente, la manovra va fatta e noi lavoreremo insieme a Gentiloni per capire quale manovra va fatta”. Lo ha detto il segretario del Pd, Matteo Renzi facendo la rassegna stampa a ‘Ore Nove-Il punto della giornata‘, approfondimento sui social a cura del Pd.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Direzione Pd, Renzi perde le staffe e se la prende con Lo Giudice: “Segui le regole, che cazzo”

next
Articolo Successivo

M5S + sinistra: si può?

next