“Il tema del voto non si pone sulla base della legge elettorale ma sulla base di che tipo di manovra vogliamo fare. La mia idea è diversa da quella di Monti perché la cultura dell’austerity ha creato un aumento dei disoccupati e a me interessa ridurle. Sei mesi prima o dopo sulla data delle elezioni non cambia niente, la manovra va fatta e noi lavoreremo insieme a Gentiloni per capire quale manovra va fatta”. Lo ha detto il segretario del Pd, Matteo Renzi facendo la rassegna stampa a ‘Ore Nove-Il punto della giornata‘, approfondimento sui social a cura del Pd.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Direzione Pd, Renzi perde le staffe e se la prende con Lo Giudice: “Segui le regole, che cazzo”

prev
Articolo Successivo

Travaglio vs Dalimonte, padre dell’Italicum: “La sentenza della Consulta dice che lei ha scritto una boiata”

next