“Il No dei lavoratori Alitalia era prevedibile e non si possono far ricadere gli errori dei manager attuali sui lavoratori e soprattutto sugli interessi del paese. E’ necessario nominare non un commissario ma due, perché ci sono grandi problemi di politica industriale in senso più stretto, e soprattutto chiediamo che si trovino le risorse perché Alitalia non smetta di volare. I commissari prendano poi il tempo necessario per dare all’azienda una prospettiva, evitando smembramenti e spezzatini”. Così Guglielmo Epifani, deputato di Articolo Uno-Mdp.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alitalia, l’unica soluzione è nazionalizzare

prev
Articolo Successivo

Alitalia, Di Maio: “Serve piano industriale credibile, che elimini sprechi. Così non ci sarà bisogno di intervento dello Stato”

next