Gianni Cuperlo a margine di un incontro politico ha detto la sua sull’attuale stato di salute del Pd. “La scissione è stata una scelta dolorosa per tutti: per chi è andato e per chi come noi è rimasto. Le primarie sono un banco di prova che mette in discussione la maturità del nostro popolo”. Poi si sofferma su Renzi. “Io ho sempre riconosciuto i suoi meriti dell’esperienza di governo con i migranti, profughi, tono più alto in Europa, unioni civili e altro. Bisogna avere l’obiettività di riconoscere le luci che ci sono state, però il triennio si conclude e noi arriviamo a un congresso sull’onda di una successione di sconfitte gravi e severe e non c’è stata la volontà di capire le ragioni di tali sconfitte. Questo mi porta quindi a pensare che la candidatura di Orlando sia quella più capace perché in grado di ricostruire un’unità dentro e fuori dal Pd”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Ricolfi: “Il rapporto tra sinistra e popolo non esiste più. Renzi? Populismo dall’alto”

next
Articolo Successivo

Verona, Tosi non può più correre e candida a sindaco la fidanzata Bisinella. Lei: “Rinuncio al vitalizio da senatrice”

next