Collegi uninominali, premio di maggioranza alla prima lista e soglie di sbarramento uguali per Camera e Senato. Sulla legge elettorale qualcosa (poco, pochissimo) si muove. Il Pd – dopo aver provocato gli altri partiti vanamente con il Mattarellum, infine schifato da tutti – ha fissato i tre criteri “imprescindibili” da cui partire. Ciascuno dei tre trova in disaccordo qualcuno, tutt’e tre spaventano di sicuro tutti i partitini che infatti già chiedono in coro il premio alla coalizione per evitare paralisi post-voto. La risposta però arriva direttamente da Matteo Renzi: “Se nessuno prende il 40 per cento ci dovrà essere un accordo in Parlamento come in Germania. Un’alleanza Renzi-Berlusconi? Questo tipo di alleanza non esiste, io spero non nel pareggio ma di vincere”.

Comunque vada, per il momento la cornice suggerita dal Pd è un punto di partenza che spinge il presidente della commissione Affari costituzionali della Camera, Andrea Mazziotti di Celso, a dire che si può produrre un “testo base”. Un grande successo, dopo quasi 5 mesi, degli stessi partiti che all’indomani del referendum costituzionale giuravano di mettere subito mano alla riforma elettorale per andare subito al voto. La commissione formato bradipo dunque comincia a muovere qualche muscolo. Prossimo appuntamento il 27 aprile, ma nessuno può credere che per quella data ci sia già un testo-base su cui discutere, lavorare, votare. Vale la pena ricordare che – tra le risate generali – i partiti hanno promesso di concludere il percorso della riforma elettorale entro la pausa estiva, cioè entro inizio agosto. 

E infatti Mazziotti dopo un po’ di passaggi a vuoto ha capito: “I tempi non li dico – si schermisce – perché occorre incrociare le indicazioni di tutti i gruppi, ma si può lavorare senz’altro a un testo base”. Anche perché il “grande successo” arriva dopo che il capogruppo del Pd in commissione Emanuele Fiano l’altra volta aveva detto solo che i democratici preferivano un sistema “di tipo maggioritario“. Un po’ pochino per far partire la discussione. Oggi ha aggiunto che si può cominciare a parlare di collegi uninominali, premio alla lista e armonizzazione delle soglie di sbarramento alla Camera e al Senato perché attualmente sono fissate rispettivamente al 3 e all’8 per cento.

In realtà ora la questione è solo spostata di un centimetro perché ci sarà da capire chi è d’accordo con quale dei tre punti e se ci sono i voti per portare un pacchetto coerente. Tanto per fare un esempio, il Movimento Cinque Stelle risponde picche: “Renzi in tv dà l’ok al Legalicum – twitta Danilo Toninelli – ma in Parlamento fa l’opposto e propone un’altra legge elettorale incostituzionale. Sempre più ridicoli!”. Luigi Di Maio chiarisce: “Noi chiediamo di andare a votare il prima possibile e al presidente della Repubblica di tornare a chiedere alle Camere di omogeneizzare le leggi elettorali: la legge della Camera mettiamola al Senato e torniamo a votare”.

In realtà una notizia buona c’è, in tutto questo bailamme e forse su questo ci potrebbe essere collaborazione tra partiti: sono spariti i capilista bloccati che tutti vorrebbero vedere scomparire (dal M5s a tutti i candidati alla segreteria del Pd). Punto colto per il momento solo da Pierluigi Bersani, uno dei leader dei Democratici e Progressisti: “Leggendo le ultime proposte contro i capitalista bloccati dico: era ora. I capilista bloccati sono un disastro totale per la democrazia italiana. Se fissiamo il principio di farla finita e passare ai piccoli collegi poi possiamo discutere di tutto il resto”. Poiché Bersani conosce i suoi polli aggiunge: “Voglio credere che si tengano ferme le parole e non sia tattica“.

Forza Italia, invece, almeno a parole, ci sta, ma – come spiega Francesco Paolo Sisto – approva “piccoli collegi uninominali”, ma vuole il premio di maggioranza alla coalizione, esattamente come tutti i partiti più piccoli. A partire dagli alleati di governo del Pd, gli alfaniani: “Dalla posizione assunta oggi dal Pd in commissione emergono un rischio e una certezza – sottolinea il capogruppo in commissione di Alternativa Popolare Dore Misuraca – Il rischio di lasciare il Paese all’ingovernabilità e la certezza che vogliono rinviare la riforma elettorale. È chiaro infatti che insistendo sul premio alla lista sanno perfettamente che, al netto della propaganda, nessuna lista arriverà al 40 per cento, e quindi un minuto dopo il voto sarà subito caos istituzionale”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Freccero: “Di Maio? Non credo che sarà lui il candidato premier. Benigni diffida Report? Mi fa tristezza”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Di Maio: “Proposta Pd? Loro cambiano idea ogni mese. E’ ferma per loro problemi interni”

next