Il Fondo Monetario Internazionale migliora le previsioni sull’Italia, ma le stime restano peggiori rispetto a quelle contenute nel Documento di economia e finanza del governo Gentiloni. L’istituzione di Washington nel suo World Economic Outlook ha rivisto al rialzo da +0,7 a +0,8% il dato sulla crescita del pil nel 2017 confermando invece il +0,8% del 2018. Palazzo Chigi e il Tesoro scommettono invece rispettivamente su un +1,1 e un +1%. Il dato italiano è comunque nettamente il più basso fra quelli delle economie avanzate ed è la metà rispetto alla media dell’area euro: la Germania è vista in crescita dell’1,6%, la Francia dell’1,4%, la Spagna del 2,6%. Forte la revisione al rialzo per il pil 2017 del Giappone (+0,4 punti, all’1,2%) e del Regno Unito (+0,5 punti, al 2%). Confermato invece il +2,3% degli Usa e il +1,9% del Canada.

Il deficit italiano si attesterà poi secondo l’Fmi al 2,4% del pil nel 2017, per poi scendere all’1,4% nel 2018. In ottobre il Fondo aveva previsto un deficit al 2,2% e dell’1,3% nel 2018. Le stime sono comunque superiori rispetto a quelle contenute nel Def, dove è stimato un deficit al 2,1% quest’anno e all’1,2% nel 2018. Il pareggio di bilancio secondo l’istituzione di Washington sarà raggiunto solo nel 2022, mentre il documento di Palazzo Chigi lo fissa al 2019.

Il debito pubblico invece è dato ancora sopra il 130% ma in miglioramento. Dopo il 132,6% del 2016, il Fmi lo prevede al 132,8% del pil nel 2017 e al 131,6% nel 2018, in deciso calo rispetto alle stime di ottobre, quando aveva previsto un debito al 133,4% per quest’anno e al 132% nel 2018. Nonostante il miglioramento, le stime restano superiori di qualche decimale rispetto a quelle contenute nel Def, dove è previsto un debito al 132,5% nel 2017 e al 131,0% nel 2018. Un ausilio al calo del debito dovrebbe comunque arrivare dalla ripresa dell’inflazione, considerato che dopo il calo di 0,1% della media 2016 il costo della vita dovrebbe mostrare un aumento di 1,3% sia quest’anno sia il prossimo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turchia, dopo la vittoria del Sì al referendum la lira turca si rafforza. Ma la disoccupazione è ai massimi da 7 anni

prev
Articolo Successivo

Manovra correttiva, professionisti: “Estendendo anche a noi autoliquidazione Iva il governo ci stritola. Ci ripensi”

next