1. Scegliere energia sostenibile: 1.380 kg di CO2 
Ogni anno, il consumo di elettricità medio che si ha in casa è di circa 2.700 kWh. Questa energia elettrica, attualmente, proviene per il 72 per cento da centrali termoelettriche, che bruciano principalmente combustibili fossili, e per il 14 per cento da fonti rinnovabili; il restante 14 per cento è importato dall’estero. Il Ministero dell’Ambiente rileva che ogni kWh utilizzato in Italia emette 531 grammi di CO2, e quindi ogni casa genera 1.433 chili di CO2 all’anno per la sola elettricità. A pari consumo, se si scegliesse di usare energia prodotta da fonti rinnovabili, le emissioni sarebbero di circa 54 chili di CO2, per un risparmio annuo pari a 1.380 chili di CO2. La cosa sorprendente è che l’azione più efficace è anche la più veloce: per passare a una fornitura di energia da fonti rinnovabili italiane, infatti, bastano meno di cinque minuti di compilazione online.

INDIETRO

Emissioni, 5 scelte per contribuire a ridurle (come scegliere il cibo bio)

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Agnelli macellati per Pasqua, la realtà è peggiore di come la immaginiamo

next
Articolo Successivo

Olio di palma: brutte notizie per Eni, buone notizie per le foreste

next