Andare al lavoro in bici, preferire cibo bio e una dieta vegetariana, guidare un’auto ecologica e scegliere le energie rinnovabili sono le azioni “green” più efficaci, come evidenzia una classifica di LifeGate. Al primo posto c’è la scelta di fonti energetiche sostenibili per la propria casa, che permette di risparmiare 1.380 chili di CO2 l’anno.

Dopo che lunedì è saltata la dichiarazione congiunta al G7 sull’Energia per il rifiuto del presidente Usa Donald Trump di ratificare l’accordo sul clima di Parigi, è diventato ancora più importante che anche i singoli cittadini facciano qualcosa per risolvere il problema dei cambiamenti climatici. Come dimostrano i dati del terzo Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile realizzato da LifeGate in collaborazione con Eumetra Monterosa, questo sta già avvenendo: il 59 per cento degli italiani è interessato ai temi ecologici e una sempre crescente percentuale di essi adotta comportamenti sostenibili in ogni ambito della propria vita privata, dall’alimentazione alla mobilità, fino ad arrivare ai comportamenti d’acquisto.

Emissioni, 5 scelte per contribuire a ridurle (come scegliere il cibo bio)

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Agnelli macellati per Pasqua, la realtà è peggiore di come la immaginiamo

prev
Articolo Successivo

Olio di palma: brutte notizie per Eni, buone notizie per le foreste

next