Il 24 marzo alle ore 19.30, presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma, l’Orchestra europea per la Pace e l’Alexian Group saranno in concerto nell’ambito delle celebrazioni per il 60° anniversario dei Trattati di Roma.

E’ un evento da non perdere. Sia dal punto di vista artistico sia da quello sociale. L’Alexian Group di Santino Spinelli (nella foto, un’immagine tratta dalla sua pagina Facebook) e l’Orchestra europea per la Pace, diretta da Antonio Cericola, saranno protagonisti di un concerto che unirà il messaggio di pace e fratellanza che porta avanti l’Orchestra, alla musica Rom di quell’animo geniale e inquieto che è Santino Spinelli. Da anni l’instancabile Santino Spinelli, musicologo e docente universitario Rom, compone musiche basate sulla cultura del suo popolo.

Venerdì 24 sarà proposto un percorso musicale e canoro originale per una musica etno-sinfonica europea. Un viaggio in cui la tradizione locale, in questo caso quella legata al popolo Rom, offre idee per un’arte universale. Antonio Cericola, Alexian Santino Spinelli, Gennaro Spinelli, Giulia Spinelli, Evedise Spinelli e l’Orchestra europea per la Pace offrono al loro pubblico un’operazione artistica in cui non è la musica Rom a fornire spunti per una musica colta, ma il contrario: l’orchestra classica diviene supporto alla musica romanì. Il risultato è un’operazione artistica unica e coinvolgente. Un’operazione capace di creare “ponti e non muri”. E in questo periodo storico ne abbiamo davvero bisogno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cabaret D’Annunzio: il Vate a teatro tra poesia, fascismo e ‘cene eleganti’

prev
Articolo Successivo

Libri: dalle banlieue parigine alla Tunisia della rivolta, nuovi linguaggi arabi

next