Il dubbio sul nome è sciolto: non più Nuovo Centrodestra, ma Alternativa Popolare. Una scelta che può far comodo quando ci sarà da vedere se allearsi da una parte o dall’altra. E il dubbio è sciolto anche sulle alleanze, già da ora. Dice il leader Angelino Alfano: “Andiamo avanti da soli, saranno gli altri a cercarci perché non avranno i numeri per governare e noi diremo questo è il nostro programma oppure la maggioranza ve la cercate con i radicali”. E tutti i torti non li ha, visto che tutti i sondaggi dicono che la prossima legislatura potrebbe cominciare paralizzata con tre poli equivalenti e una maggioranza difficile da comporre. Così muore il vecchio partito fondato dopo la scissione dal Pdl ai tempi della decadenza da senatore di Silvio Berlusconi e nasce un nuovo soggetto che si rifà al Partito popolare europeo. Certo, le facce sono sempre quelle: all’assemblea che ha votato questo passaggio “storico” c’erano Roberto Formigoni, Fabrizio Cicchitto, i capigruppo Maurizio Lupi e Laura Bianconi e naturalmente i tre ministri del governo Gentiloni, cioè lo stesso Alfano, Beatrice Lorenzin e Enrico Costa. “Noi siamo alternativi ai lepenisti – dice Alfano – alla sinistra dell’indietro tutta, a chi ha in mente solo la ruspa, a chi dice ‘no’, a chi non ha cura della Repubblica”. Alfano propone le primarie per scegliere la leadership del nuovo soggetto “moderato”: “Scelga il popolo. Noi proponiamo un fisco all’americana, un grande patto per la povertà, un piano per favorire le assunzioni nelle imprese”. Le primarie, aggiunge, dovranno avere regole chiare: “Chi vince deve poter guidare nuova creatura, chi perde deve dare una mano di aiuto a chi vince e chi vince non deve cacciare chi vince sennò somigliamo ad altri partiti”.

Il senso di Alternativa Popolare, conclude il ministro degli Esteri, è di “favorire l’incontro” con chi “ha gli stessi ideali pur trovandosi oggi in posizioni diverse. Vogliamo favorire l’incontro senza voler guidare la creatura finale. Il metodo che noi proponiamo è uniamoci e poi sia il popolo con delle primarie a scegliere il leader di un raggruppamento liberal-popolare. E’ un metodo democratico. Proponiamo primarie non solo per il leader ma anche per i parlamentari”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ex iena Lucci fa il funerale (in carrozza) a Ncd: “E ora come famo?”. Ma non tutti la prendono bene

next
Articolo Successivo

M5s Genova, Grillo sconfessa le Comunarie e candida il tenore. Il pentastellato Pirondini in ‘E lucevan le stelle’

next