Una statua di Ramses II è stata ritrovata da un gruppo di archeologi egiziani e tedeschi in un sobborgo del Cairo. I resti di un colosso di circa otto metri raffigurante il faraone sono stati scoperti a el-Matariya, tra le rovine di Eliopoli. A riferire la notizia è al Ahram, uno dei più diffusi quotidiani d’Egitto. Il ministro delle AntichitàKhaled al-Anani, ha spiegato alla Reuters  che “si tratta di una delle più importanti scoperte del Paese. Abbiamo visto il busto e una parte della testa, poi la corona e ancora un frammento dell’orecchio e dell’occhio destro”. Accanto alla statua gigante anche un’altra di circa un metro del faraone Seti II, entrambi appartenenti alla XIX° dinastia.

Il simulacro di Ramses II è “spezzata in grandi pezzi” ed è fatta di “quarzite”, scrive il sito Egypt Independent riferendosi a un tipo di roccia composta quasi esclusivamente da quarzo granulare. Finora sono emerse solo “parte della testa, con un orecchio e un occhio” e della corona, aggiunge citando il capo del Dipartimento antichità egiziane del dicastero, Mahmud Afifi. La statua di Seti II, di cui sono stati rinvenuti circa 80 centimetri, è “a grandezza naturale”. La scoperta “è una delle più importanti” fra quelle “recenti”, scrive ancora il sito sintetizzando dichiarazioni del capo della missione egiziana, il professor Ayman al-Ashmawy, in occasione dell’annuncio fatto ieri. Il tempio di Ramses “è uno dei più grandi dell’antico Egitto visto che raggiungeva il doppio delle dimensioni del tempio di Karnak a Luxor“, aggiunge Egypt Independent. 

Tra i faraoni più importanti, Ramses II, anche conosciuto come Ozymandias (dalla traslitterazione in greco del nome del suo regno) fu il terzo della diciannovesima dinastia e fu il capo indiscusso dell’Egitto per ben 66 anni, dal 1279 al 1213 a.C.. Espanse i confini del regno fino all’attuale Siria a est, e fino alla Nubia (l’attuale Sudan) a sud. E’ soprannominato anche Giovane Memnone e la riproduzione di un suo mezzo busto si trova al British Museum di Londra.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attacco Dusseldorf, 2 italiane tra i feriti. “Aggressore paranoide, ha agito da solo”

next
Articolo Successivo

Usa, il capo dell’agenzia per l’ambiente voluto da Trump: “Co2? Non è la causa del surriscaldamento”

next