Insolita disavventura a bordo di un Boeing 777 della British Airways in partenza lo scorso 1 marzo dall’aeroporto di Londra Heathrow per San Francisco. L’aereo si stava preparando a rullare quando una hostess si è accorta della presenza di un topo che passeggiava tra le poltroncine della Business. Tutti i passeggeri sono stati immediatamente fatti scendere (uno di loro ha raccontato alla BBC che l’annuncio della compagnia è stato: “Vi preghiamo di abbandonare il veicolo perché si è verificato un evento piuttosto insolito”) e per loro è stato predisposto un altro volo, quattro ore dopo.

Dopo attimi di incomprensione e di comprensibile incredulità, in sala d’attesa i passeggeri hanno cominciato a inondate Twitter di cinguettii scherzosi: “Un topo a bordo è stato fatto scendere. Forse non aveva il visto?” e “Venderò la storia all’industria cinematografica”.

Secondo AirHelp – società specializzata nei reclami per ritardi e cancellazioni nel trasporto aereo, a cui si sono già rivolti alcuni dei passeggeri a bordo – a non riderci su potrebbe essere però proprio la British Airways. Ogni problema con diretta responsabilità della compagnia aerea obbliga infatti la stessa, per legge, anche in casi limite come questo, a risarcire i passeggeri con una somma che va dai 250€ fino ai 600€, a prescindere dal prezzo pagato per il proprio biglietto. Quindi la British Airways, secondo Lorenzo Asuni, Marketing Manager di AirHelp, “dovrà risarcire ciascuno dei 298 viaggiatori a bordo con 600€, come indicato dal Regolamento Europeo CE261, per un totale di 178.800€”.

Questa, subito dopo “l’incidente”, è stata la risposta della British Airways: “Sappiamo che in tantissimi vogliono volare con noi a San Francisco, ma in questa occasione a bordo c’era un piccolo ospite che abbiamo dovuto rimandare al gate. Tutti quelli che avevano due gambe sono ora in volo per la California, ci scusiamo per il disagio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Natura: Norvegia “on the road” nelle isole dove la neve e le aurore boreali danno spettacolo

prev
Articolo Successivo

Quando andavamo in auto in Jugoslavia e non c’erano i gelati (ma mazzette di soldi sì)

next