Due grandi torte con candele e un brindisi con gli occhi rivolti al cielo. Così Antonello Venditti ha voluto ricordare oggi Lucio Dalla, in quello che sarebbe il 74esimo compleanno del cantante bolognese. E lo ha fatto in vicolo del Buco, la strada in cui viveva Dalla nella capitale. Strada che lo stesso Venditti aveva proposto di intitolare all’amico Dalla. “Qui abbiamo passato notti meravigliose, speriamo di apporre questa targa. La delibera del comune ha detto che la targa ci sarà, poi ci sono i tempi della burocrazia. Da oggi partono dieci anni allo scadere dei quali questo vicolo si intitolerà a Lucio. Credo nel futuro – ha scherzato Venditti – però mi piacerebbe vederla. Ai festeggiamenti si è unito in mattinata Enrico Lucci in versione Stalin che ha ricordato Lucio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lucio Dalla, cinque anni fa la morte: ci manchi, Santo laico che hai dimenticato di dare un paio di dritte in caso di addio

prev
Articolo Successivo

Quand’è che il settore musica deciderà di fare i conti con la sua imminente fine?

next